Riconoscimento Parlatore

Perizia fonica di riconoscimento del parlanteLo Studio esegue attività di perizia fonica di riconoscimento vocale del parlatore, basate su saggio fonico e comparazione uditiva e tecnica dei parametri acustico-fonetici del segnale vocale, finalizzate a confermare identità, somiglianza o differenza fra voci registrate su tracce audio. La perizia di comparazione può essere svolta in qualità di Consulente Tecnico di Parte (CTP), Perito del Giudice,  CTU, Ausiliario del Magistrato o come servizio fornito privatamente in via stragiudiziale ad aziende, privati o Studi Legali.

La consulenza o perizia di riconoscimento del parlante prevede, in genere, la comparazione della voce registrata ad esempio durante intercettazioni telefoniche o ambientali con un campione “oggettivo” ricavato tramite saggio fonico, acquisito in laboratorio o presso il cliente, che talvolta può trovarsi in carcere e quindi aumentare la complessità logistica dell’intervento. Si presenta quindi in genere la richiesta di comparazione vocale tra voce certa e voce sospetta o eventualmente disconosciuta.

La perizia di confronto vocale si basa su diverse tecnologie, una delle quali prevede l’analisi acustico-fonetica tramite la quale vengono estratti dai campioni di voce a confronto particolari caratteristiche acustiche, come ad esempio la durata delle occlusive, le formanti delle vocali, la velocità di articolazione, la frequenza fondamentale, che si ritengano maggiormente rappresentative della voce l’individuo e meno influenzate dal canale di trasmissione e che verranno utilizzate per il riconoscimento del parlato. Ovviamente questi parametri assunti come caratterizzazione dell’individuo la cui voce è stata registrata possiedono variabilità minime nello stesso individuo e molto più ampie in individui diversi, cosa che permette un riconoscimento del parlante attendibile.

La perizia fonica di comparazione della voce indicherà i parametri assunti per la caratterizzazione degli aspetti fonetici e linguistici dell’individuo, comparandoli nelle varie registrazioni disponibili ed eventualmente nel campione certo ricavato dal saggio fonico, permettendo di ottenere un quadro che indichi la percentuale di corrispondenza e identità tra le voci parlanti, permettendo quindi di capire se la voce presente in più registrazioni è della stessa persona oppure no.

Quando non è possibile registrare un saggio fonico per ottenere un campione della voce da comparare è necessario selezionare registrazioni che, otre a essere rappresentativi della popolazione di riferimento, possiedano caratteristiche qualitative tali da consentire una corretta elaborazione strumentale. I campioni per la consulenza di raffronto vocale sonoro dovranno quindi avere durata, larghezza di banda e rapporto segnale/rumore sufficiente.

Perizia di comparazione vocaleLa perizia di comparazione vocale e analisi comparativa fonica tra i soggetti fornirà una percentuale di somiglianza tra le voci parlanti tale da poter confermare o fornire un grado di attendibilità dell’identificazione del parlante. La consulenza fonica farà uso di diverse tecnologie scientifiche basate su elementi biometrici, parametrici e percettivi con diverse metodologie di raffronto. La scelta delle metodologie d’identificazione vocale del parlante è basata anche sulla tecnologia utilizzata nella registrazione che potrà essere GSM, intercettazione ambientale o telefonica, registratore digitale, nastro, videocassetta, cellulare o smartphone, microfono professionale, computer ,etc…

Oltre alle perizie di riconoscimento e identificazione delle voci presenti nelle registrazioni, può essere richiesto il servizio di conteggio dei parlanti, cioè di indicare quante persone parlano in una registrazione audio fornita. Anche in tal caso, prove percettive e parametriche permetteranno di redigere una perizia audio fonica che indichi con percentuali di attendibilità variabili il numero di parlatori presenti nel file audio.

I costi della perizia di riconoscimento del parlatore e confronto vocale dipendono dalla qualità dell’audio della registrazione dove sono presenti le voci da confrontare, l’eventualità di campionare la voce originale tramite un saggio fonico, la quantità di registrazioni. Non è possibile quindi fornire un listino prezzi per le perizie di comparazione vocale ma indicativamente il costo può orientarsi tra i 3.000 e i 6.000 euro a seconda della complessità dell’analisi fonica.

La perizia di riconoscimento del parlatore può essere giurata e asseverata in Tribunale, in genere ai fini giudiziari per utilizzo in Tribunale o Procura, con un’integrazione di costo dovuta ai tempi necessari per l’Asseverazione e il Giuramento in Tribunale e le marche da bollo. La Perizia Giurata Pro Veritate ha certamente un valore più “ufficiale” della normale perizia fonica in quanto il perito fonico giura davanti a un Cancelliere del Tribunale “di aver bene e fedelmente proceduto alle operazioni e di non aver avuto altro scopo che quello di far conoscere la verità” nell’ambito del suo lavoro di comparazione vocale. Questo non toglie però che la normale perizia di raffronto vocale, anche non giurata o asseverata, sia sufficiente nella maggioranza dei casi, utilizzabile come Consulenza Tecnica di Parte e che il perito fonico, firmando di suo pugno la perizia, assuma comunque responsabilità di quanto dichiara. Entrambe le perizie di comparazione sono quindi a uso legale e giudiziario, possono essere utilizzate a fini legali in Tribunale o per via stragiudiziale.

 

 


Contatta lo Studio d'Informatica ForenseContattateci per Informazioni o un Preventivo
Per maggiori informazioni non esitate a contattare lo Studio d'Informatica Forense tramite la Pagina Contatti.

Termini di ricerca più frequenti:

  • comparare due voci registrate
  • comparazione vocale
  • software comparazione vocale